Versione stampabile

Estratto dal regolamento vigente approvato il 01/07/2021.

Estratto dal contratto provinciale di lavoro per gli operai agricoli e florovivaisti della Provincia di Brescia (valido dal 01/01/2020 al 31/12/2023).

 

ART. 1

Hanno diritto alle prestazioni della Cassa Integrazione i lavoratori iscritti negli elenchi annuali della stessa per i quali sono stati corrisposti i contributi stabiliti dai Contratti Collettivi di Lavoro stipulati dalle Organizzazioni che hanno costituito la Cassa Mutua Integrazione Malattie Maternitā Infortuni Operai Agricoli della Provincia di Brescia, di seguito in sigla CIMMI.

 

ART. 5

In applicazione dell'ART. 2 dello Statuto, la CIMMI provvederā  ad integrare agli operai agricoli a tempo indeterminato (OTI) e determinato (OTD) iscritti alla stessa le seguenti:

 

MALATTIA

Agli operai agricoli a tempo indeterminato per i periodi di assenza per malattia verificatisi dal 1/5/2008 la CIMMI corrisponderā  l'integrazione all'indennitā  di legge erogata dall'INPS fino al 90% del salario preso a base per il pagamento dell'indennitā  a partire dal 1° giorno e fino ad un periodo di assenza di 180 giorni di calendario nel corso dell'anno solare.

Ai lavoratori a tempo determinato con meno di 101 gg. lavorative effettuate nell'anno precedente a quello interessato all'integrazione si applica la normativa CPL 23/07/96 mentre a partire da 101 giorni si applica lo stesso trattamento stabilito per gli operai a tempo indeterminato.

La CIMMI non conguaglia le indennitā  pagate dall'INPS in misura ridotta ai sensi della Legge 638/83 (per assenza del lavoratore a visita fiscale ed a uscita di controllo).

Sono escluse dagli indennizzi tutte le giornate festive e tutte le giornate che l'INPS per motivi legittimi non ritiene di dover indennizzare.

 

MODALITA' INDENNIZZO MALATTIE

● Si definisce CARENZA i primi 3 giorni di malattia pagati dalla CIMMI per OTI (OPERAI TEMPO INDETERMINATO) e OTD (OPERAI TEMPO DETERMINATO).

● Le percentuali si intendono calcolate sulla retribuzione media giornaliera.

● Per gli operai a tempo indeterminato le percentuali a carico dell'INPS vengono anticipate dall'azienda in busta paga.

● I giorni si calcolano come da calendario.

 

GIORNICIMMIINPS
da 1 a 390%0%
da 4 a 2040%50%
da 21 a 18023,34%66,66%

 

MALATTIE CON RICOVERO OSPEDALIERO

● Senza familiari a carico riduzione dei 2/5 della retribuzione media giornaliera.

● Con familiari a carico retribuzione media intera

 

GIORNICIMMIINPS
da 1 a 390%0%
da 4 a 2070%20%
da 21 a 18063,34%26,66%

 

INFORTUNIO

Per infortunio sul lavoro verificatisi dal 01/05/2008 la CIMMI corrisponderā  l'integrazione alle indennitā  di legge erogate dall'INAIL fino al 90% del salario preso a base per il pagamento dell'indennitā  temporanea a partire dal II giorno e fino a guarigione clinica e in ogni caso per un periodo di assenza non superiore di 12 mesi dall'infortunio. Sono escluse dall'indennitā  tutte le giornate festive. Per la liquidazione dell'integrazione, da parte della CIMMI, dell'indennitā  di infortunio sul lavoro il diritto per conseguire le integrazioni si estingue nel termine di 3 anni dal giorno indicato sul prospetto di liquidazione elaborato dall'INAIL.

 

MODALITA' INDENNIZZO INFORTUNI

● Primo giorno a carico del datore di lavoro al 100%

 

GIORNICIMMIINAIL
da 2 a 8730%60%
da 88 al 12° mese15%75%

 

MATERNITA'

La CIMMI corrisponderā  agli operai a tempo indeterminato e determinato nonchč agli apprendisti per il periodo di astensione obbligatoria dal lavoro, compreso il periodo di astensione anticipata (D.LVO n. 151/2001e successive modificazioni) una integrazione alla indennitā  di Legge, nella misura del 10% del valore preso a base dall'INPS.

Per gli eventi a decorrere dal 01.01.2017 l'integrazione per la maternitā facoltativa OTI e OTD sarā pari all'integrazione per maternitā obbligatoria, infortuni e malattia, come previsto dal vigente CPL.

 

APPRENDISTI

Agli operai apprendisti nel caso di malattia e infortunio sul lavoro accaduti dal 1/5/2008 sarā  applicato lo stesso trattamento in essere per gli operai a tempo indeterminato.

Il diritto ai trattamenti previsti dal presente articolo č subordinato al riconoscimento dell'indennitā  economica per malattia, maternitā  ed infortuni da parte degli Enti assicuratori e alla disponibilitā  della CIMMI.

Per la corresponsione delle integrazioni alle suddette indennitā  di legge non sono dovuti, per nessun motivo, dalla CIMMI, interessi legali.

Non č dovuta alcuna integrazione economica da parte della CIMMI per gli eventi successivi alla data di cessazione del rapporto di lavoro indipendentemente dal pagamento o meno da parte degli Enti assicuratori.

I datori di lavoro, al fine di consentire l'integrazione delle suddette indennitā  di Legge da parte della CIMMI, devono inviare direttamente o per il tramite delle Associazioni di categoria e/o di altri soggetti delegati alla gestione e all'amministrazione del personale dipendente, i dati relativi al periodo e alla retribuzione media giornaliera, laddove anticipata per disposizione di legge e/o di contratto.

 

MORTE DEL LAVORATORE

In caso di morte, sul luogo di lavoro, del lavoratore a tempo indeterminato e determinato, iscritto alla CIMMI, č concesso agli eredi legittimi un sussidio pari ad una mensilitā , (non inferiore al valore indicato nel C.P.L. 17/4/2008) previa presentazione della seguente documentazione:

domanda in carta semplice da presentare entro 180 giorni dalla morte con allegati:
● stato di famiglia (con indicato anche il nome del defunto) in carta semplice;
● certificato di morte;
● atto notorio indicante gli eredi o dichiarazioni di successione;
● delega degli eventuali eredi maggiorenni (con firma autenticata) in favore di un'unica persona per la riscossione della quota parte loro spettante.

 

T.B.C.

Il valore del sussidio straordinario da corrispondere ai lavoratori affetti da T.B.C. sarā  stabilito dal Consiglio della CIMMI.

 

DEGENZA OSPEDALIERA

Ai soli operai agricoli OTI e OTD (esclusi i componenti il nucleo familiare), con contratto di lavoro in essere iscritti al CIMMI e al FISA, che abbiano maturato 180 giornate nell'anno precedente, sarā corrisposta una indennitā giornaliera di 70,00 euro lorde per i primi tre giorni di degenza ospedaliera senza intervento chirurgico.